La brutalità del rugby e la leggerezza delle dita sui tasti di un pianoforte